Nessun prodotto nel carrello.
Subtotale:
Docente di scuole superiori mentre segue un corso per aumentare punteggio graduatoria

Cosa trovi in questo articolo

Se lavori nel mondo della scuola probabilmente sarai interessato a scoprire come aumentare il punteggio graduatoria docenti o personale ATA.

 

Per i docenti che rischiano di non avere una cattedra a disposizione per il nuovo anno scolastico, o per quelli che sognano di poter avvicinarsi a casa, il punteggio docenti è l’ossessione di ogni anno: c’è chi lo consulta ogni giorno, chi ricorda ogni punto a memoria e chi addirittura ha impresso nella mente l’intera graduatoria docenti.

 

In questa guida spiegheremo e definire tutte le vie possibili per aumentare il punteggio docenti, inoltre mostreremo come aumentare il punteggio del personale ATA. Iniziamo!

 

Come aumentare il punteggio in graduatoria docenti

Se vuoi scoprire come aumentare punteggio nelle graduatorie docenti, allora sei nel posto giusto.

 

Sicuramente il modo migliore e più veloce per aumentare il punteggio per l’insegnamento consiste nel seguire corsi di formazione online, che permettono di acquisire fino a 2 punti in più in graduatoria. Un ottimo punto di inizio, non credi?

 

Esistono anche altri modi per aumentare il punteggio in graduatoria docenti, ma prima cerchiamo di capire nel dettaglio in cosa consiste questo tipo di elenco. 

 

Il punteggio docenti: titoli e certificazioni valide

Ogni docente e aspirante docente iscritto nelle graduatorie per l’insegnamento in seconda e terza fascia ha un determinato punteggio, che determina la sua posizione in nella suddetta graduatoria.
 

 

Il punteggio docenti viene aggiornato una volta all’anno, orientativamente in mese di Aprile, e consiste in diverse tipologie di punti che partecipano al punteggio finale:

 
  • quelli acquisiti in base all’esperienza lavorativa nel campo dell’insegnamento;
  • quelli che derivano dai titoli di studio e specializzazione conseguiti nella propria carriera accademica – e non solo.
 

A questo punto diventa sempre più chiaro quanto è importante la formazione continua per i docenti: in primis per mantenere un curriculum vitae sempre aggiornato e acquisire nuove competenze, e poi per aumentare il punteggio in graduatoria in modo costante nel tempo.

 

I principali titoli e certificazioni che possono essere conseguiti per acquisire punteggio sono i seguenti:

   

Il calcolo punteggio in graduatoria docenti

Per capire con certezza quanti punti vengono assegnati per ogni titolo posseduto – che sia la laurea, un corso o altri tipi certificazioni – bisogna fare riferimento alle tabelle di valutazione dei titoli di seconda e terza fascia delle graduatorie di istituto, che vengono aggiornate periodicamente dal Ministero dell’Istruzione.

 

La formazione per i docenti

Risulta evidente come la formazione sia un passaggio fondamentale per ottenere un buon punteggio. Come si legge nel sito del MIUR, “La legge 107 del 2015 definisce la formazione del personale della scuola come “obbligatoria, permanente e strategica”, inoltre la riconosce come opportunità di effettivo sviluppo e crescita professionale, per una rinnovata credibilità sociale di contributo all’innovazione e alla qualificazione del sistema educativo.”

 

Perché aggiornarsi è un obbligo ma non deve essere un ostacolo

Far coincidere i piani didattici delle classi con gli impegni non è sempre facile. Inserire nel poco tempo già a disposizione anche corsi di formazione durante l’anno scolastico non aiuta a rendere la scuola veramente una “Buona Scuola”, sia per i docenti che per gli alunni.

 

Aggiornarsi sulle nuove opportunità didattiche e sul futuro dei canali di insegnamento attraverso i canali digitali può essere quindi un doppio vantaggio:

 
  • si capiranno meglio le opportunità di insegnamento attraverso le nuove tecnologie;
  • sarà possibile inoltre gestire il carico di studi in maniera semplice e flessibile.
 

Il numero di ore di aggiornamento per i docenti

Le ore saranno sempre riconosciute come ore di aggiornamento, ma non andranno ad intaccare la tabella di marcia delle mattinate in classe o le ore di pianificazione e lavoro pomeridiane.

 

È importante saper bilanciare le ore di formazione con il resto degli impegni, in modo da essere bravi a mantenersi sempre aggiornati, senza tralasciare tutte le altre cose importanti che abbiamo necessità di svolgere quotidianamente.

 

Utilizzare uno strumento online può venirci incontro in questo, permettendoci di seguire un corso in qualsiasi momento e da qualsiasi strumento, che sia pc, tablet o smartphone.

 

Avremo sempre l’opportunità di approfittare di un buco nella nostra agenda per terminare un modulo e ottenere così una certificazione importante per il nostro futuro senza neanche accorgercene.

 

Formazione obbligatoria per i docenti

L’obbligo di formazione e aggiornamento professionale riguarda tutti i docenti di ruolo che abbiano un contratto negli istituti pubblici, sia esso part time o full time.

 

L’obbligo formativo si estende, senza eccezioni, a tutti gli ordini e gradi di istruzione: scuola dell’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria (di primo e secondo grado). Vanno presi in considerazione, inoltre, anche il Piano Scuola 2021/2022 ed il Protocollo Sicurezza per le Scuole AS 2021/2022.

 

Formazione obbligatoria docenti: quante ore?

La legge 107/15 non definisce alcun monte ore fisso di formazione annuale. Le scuole, a livello locale, invece, sono chiamate a quantificare l’obbligo in termini di Unità Formative (molto simili ai CFU dei percorsi di laurea), indicando anche le attività valide per assolverlo (formazione in presenza e a distanza, sperimentazione didattica documentata, lavoro in rete, approfondimento personale e collegiale, documentazione e forme di restituzione e rendicontazione, progettazione).

 

Come abbiamo visto dalle tabelle di valutazione dei titoli, i principali titoli e certificazioni che possono essere conseguiti per acquisire punteggio, oltre ai Master e agli attestati di lingua, sono quelli che elencheremo qui di seguito.

 

Corsi per aumentare il punteggio in graduatoria docenti

Le certificazioni informatiche e digitali conferiscono 0,5 punto ognuna (fino a un massimo di 2 punti cumulabili), e vi rientrano:

         

Inoltre, con la pratica piattaforma EIPASS Didasko, sarà semplicissimo seguire il corso online, da qualsiasi dispositivo (PC, Tablet, Smartphone,..), in qualunque momento. Si potrà sfruttare ogni piccolo momento libero per apprendere nuovi concetti e ottenere in breve tempo la certificazione EiPass per acquisire fino a 2 punti nella graduatoria docenti.

 

Riceverai anche un codice per acquistare i corsi con lo sconto del 20% rispetto al prezzo mostrato: ti basterà inserire qui la tua email e potrai avere il costo più basso disponibile sul web…

 

E se trovi un prezzo più basso, ti verrà rimborsata la differenza!

 
tabella dei punti attribuiti alle certificazioni informatiche per aumentare il punteggio del personale ata
 

Corsi per punteggio e scuola

Se ti stai chiedendo come aumentare punteggio graduatoria, e stai cercando corsi per punteggio scuola, quelli che ti consigliamo sono i corsi EIPASS. Sono corsi che puoi seguire totalmente online e ottenere così facilmente punteggio.

 

In più, se li acquisti tramite noi di Alteredu, hai la possibilità di pagarli comode rate, così da non dover spendere in una unica soluzione l’importante prezzo del prodotto, ma poterlo diluirlo in modo da non gravare troppo nelle tue spese familiari.

 

Se oltre ai corsi EIPASS dedicati agli insegnanti che puoi trovare qui vuoi conoscere altri corsi di formazione per docenti, qui puoi trovare una lista di corsi che possono aiutarti ad aumentare il tuo punteggio:

   

Aggiornamento Graduatorie Docenti 2020-2021

L’aggiornamento della II e III fascia delle graduatorie GPS e GAE, è in programma per il 2022, probabilmente in primavera: l’ultimo è stato effettuato nel 2019 ed avrà validità per gli anni scolastici 2019/2020, 2020/2021 e 2021/2022. Ovviamente non esiste ancora una data precisa di pubblicazione del relativo bando.

 

Tuttavia per aumentare il punteggio in graduatoria docenti e personale ATA bisogna penarci già, perché successivamente sarà troppo tardi.

 

Per fare ciò Alteredu propone diversi corsi di formazione idonei, che ti saranno sicuramente utili anche per aumentare il punteggio nella graduatoria interna d’istituto: vediamo insieme nel dettaglio come fare.

 

Come Aumentare Punteggio nella Graduatoria Interna di una Scuola

Vuoi sapere come aumentare punteggio nella graduatoria interna di un istituto scolastico? Allora possiamo fare un discorso più specifico.

 

Il punteggio spettante al docente nella graduatoria interna di istituto o nella domanda per ottenere il trasferimento viene calcolato in base a quanto specificato nella tabella di valutazione allegata ogni anno al CCNI sulla mobilità.

 

Al punteggio spettante per l’anzianità di servizio e per le eventuali esigenze di famiglia possono, quindi, essere aggiunti i punti spettanti per i titoli posseduti dal docente, se risultano inseriti tra quelli valutabili nella sopracitata tabella.

 

Ma quali sono i titoli che possono essere riconosciuti per aumentare il punteggio nella graduatoria interna?

 

I titoli valutabili nella graduatoria interna di istituto e nella domanda di trasferimento sono quelli indicati nella Tabella A3 – Titoli generali, come di seguito riportato.

 

A) Superamento di un pubblico concorso

Superamento di un pubblico concorso ordinario per esami e titoli, per l’accesso al ruolo di appartenenza, al momento della presentazione della domanda, o a ruoli di livello pari o superiore a quello di appartenenza. Vale 12 punti per un solo concorso.

 

B) Diploma di specializzazione

Diploma di specializzazione conseguito in corsi post-laurea previsti dagli statuti ovvero dal D.P.R. n. 162/82. ovvero dalla legge n. 341/90 (artt. 4, 6, 8) ovvero dal decreto n. 509/99 e successive modifiche ed integrazioni attivati dalle università statali o libere ovvero da istituti universitari statali o pareggiati, ovvero in corsi attivati da amministrazioni e/o istituti pubblici purché i titoli siano riconosciuti equipollenti dai competenti organismi universitari, ivi compresi gli istituti di educazione fisica  statali o pareggiati, nell’ambito delle scienze dell’educazione e/o nell’ambito delle discipline attualmente insegnate dal docente.

 

Vale 5 punti per un solo diploma valutabile per gli stessi anni accademici.

 

C) Diploma universitario

Diploma universitario o Diploma accademico di primo livello, che corrisponde a una laurea di primo livello o breve o al diploma Istituto Superiore di Educazione Fisica (ISEF), conseguito oltre al titolo di studio attualmente necessario per l’accesso al ruolo di appartenenza.

 

Vale 3 punti, ma solo per i titoli aggiuntivi a quelli richiesti per avere la mansione richiesta.

 

D) Corso di perfezionamento

Corso di perfezionamento di durata non inferiore ad un anno. previsto dagli statuti ovvero dal D.P.R. n. 162/82, ovvero dalla legge n. 341/90 (artt. 4,6,8) ovvero dal decreto n. 509/99 e successive modifiche ed integrazioni, nonché per ogni master di 1° o di 2° livello attivati dalle università statali o libere ovvero da istituti universitari statali o pareggiati, ivi compresi gli istituti di educazione fisica statali o pareggiati nell’ambito delle scienze dell’educazione e/o nell’ambito delle discipline attualmente insegnate dal docente.

 

Vale 1 punto per ogni corso, uno solo valutabile ogni anno.

 

E) Diploma di laurea

Diploma di laurea con corso di durata almeno quadriennale (ivi compreso il diploma di laurea in scienze motorie), diploma di laurea magistrale (specialistica), diploma accademico di secondo livello (ivi compreso il diploma rilasciato da accademia di belle arti o conservatorio di musica, vecchio ordinamento, conseguito entro il 31.12.2017 – L. n. 228/2012), conseguito oltre al titolo di studio attualmente necessario per l’accesso al ruolo di appartenenza.

 

Vale 5 punti per ogni diploma di laurea.

 

F) Conseguimento del titolo di Dottorato di Ricerca

Il titolo di Dottorato di Ricerca permette di ricevere 5 punti in graduatoria.

 

G) Corso di aggiornamento-formazione linguistica

Per la sola scuola primaria per la frequenza del corso di aggiornamento-formazione linguistica e glottodidattica, compreso nei piani attuati dal ministero, con la collaborazione degli Uffici scolastici territorialmente competenti, delle istituzioni scolastiche, degli istituti di Ricerca (ex IRRSAE-IRRE, CEDE, BDP oggi, rispettivamente, INVALSI, INDIRE) e dell’università, spetta 1 punto.

 

H) Partecipazione agli esami di stato

Partecipazione agli esami di stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore di cui alla legge 10/12/97 n. 425 e al D.P.R. 23.7.1998 n.323, fino all’anno scolastico 2000/2001, in qualità di presidente di commissione o di componente esterno o di componente interno, compresa l’attività svolta dal docente di sostegno all’alunno disabile che sostiene l’esame.

 

Vale 1 punto per ogni partecipazione, per un massimo di 3 punti relativamente agli anni scolastici valutabili che sono 1998/99 – 1999/2000 – 2000/2001.

 

I) CLIL

CLIL di Corso di Perfezionamento per l’insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera, di cui al Decreto Direttoriale n. 6 del 16 aprile 2012 rilasciato da strutture universitarie in possesso dei requisiti di cui all’art. 3, comma 3 del D.M. del 30 settembre 2011.

 

Attenzione, però perché il certificato viene rilasciato solo a chi:

 
  • è in possesso di certificazione di Livello C1 del QCER (art 4 comma 2)
  • ha frequentato il corso metodologico
  • sostenuto la prova finale
 

Per il corso seguito, secondo i criteri e requisiti succitati, spetta 1 punto.

 

L) CLIL per i docenti non in possesso di Certificazione di livello C1

CLIL per i docenti non in possesso di Certificazione di livello C1, ma che avendo svolto la parte metodologica presso le strutture universitarie, sono in possesso di un attestato di frequenza al corso di perfezionamento.

 

NB: in questo caso il docente ha una competenza linguistica B2 non certificata. ma ha frequentato il corso e superato l’esame finale per il corso, seguito secondo i criteri e requisiti succitati, spetta un punteggio di 0,5.

 

Un’indicazione conclusiva molto importante inserita nella tabella è quella relativa alla cumulabilità dei punti, come di seguito riportato:
“ I titoli relativi a B) C), D), E), F), G), I) L), anche cumulabili  tra di loro, sono valutati fino ad un massimo di 10 punti”.

 

Aumentare il Punteggio per il Personale ATA

L’annosa questione di aumentare il punteggio in graduatoria non riguarda solo i docenti, ma anche il personale ATA: anche chi fa parte di questa categoria professionale ha bisogno di avere una buona formazione e dei titoli di studio aggiornati, specialmente se vuole salire nelle graduatorie di riferimento.

 

Così come per i docenti, anche per i collaboratori scolastici e le altre figure ATA infatti vengono poi assegnati dei punti per ogni titolo di studio o qualifica, che consentono di ottenere una determinata posizione in graduatoria.

 

Cos’è il Personale ATA?

Prima di scoprire tutti i modi in cui è possibile punteggio in graduatoria ATA, capiamo prima in maniera specifica come fare per diventare persona ATA: la domanda di richiesta, la graduatoria e come aumentare il punteggio nella stessa.

 

Come si legge dal sito del MIUR, il personale ATA amministrativo, tecnico e ausiliario statale degli istituti e scuole di istruzione primaria e secondaria, delle istituzioni educative e degli istituti e scuole speciali statali, assolve alle funzioni amministrative, contabili, gestionali, strumentali, operative e di sorveglianza connesse all’attività delle istituzioni scolastiche, in rapporto di collaborazione con il dirigente scolastico e con il personale docente.

 

Le mansioni del personale ATA

Il personale ATA, in base alle mansioni svolte, è suddiviso in diversi profili professionali, raggruppati in quattro Aree, ai quali si accede con determinati requisiti:

 
AreaProfiloRequisiti per l’accesso
ACollaboratore scolastico (CS): in tutte le scuoleDiploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma
di maestro d’arte, diploma di scuola magistrale per l’infanzia, qualsiasi diploma
di maturità, attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata
triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni
ASCollaboratore scolastico addetto all’azienda agraria (CR), solo negli istituti agrariDiploma di qualifica professionale di:
1- operatore agrituristico;
2- operatore agro-industriale;
3- operatore agro-ambientale.
BAssistente Amministrativo (AA): in tutte le scuoleDiploma di maturità
Assistente Tecnico (AT): solo nelle scuole secondarie di II gradoDiploma di maturità che dia accesso a una o più aree di laboratorio secondo la tabella di corrispondenza titoli di studio/laboratori allegata al Bando
Cuoco (CU): solo nei convitti/educandatiDiploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione,
settore cucina.
Infermiere (IF): solo nei convitti/educandatiLaurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di infermiere
Guardarobiere (GU): solo nei convitti/educandatiDiploma di qualifica professionale di Operatore della moda
DDirettore dei servizi generali ed amministrativi (DSGA): in tutte le scuoleLaurea del vecchio ordinamento ovvero specialistica/magistrale in giurisprudenza; in scienze politiche sociali e amministrative; in economia e commercio o titoli equipollenti.
 

Domanda per personale ATA: tutto quello che c’è da sapere

Come si presenta la domanda per essere inseriti nelle graduatorie del personale ATA?

 

Le iscrizioni devono essere presentate secondo le modalità ed entro le scadenze previste dai bandi aperti dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, dopo la pubblicazioni dei rispettivi bandi.

 

Nel 2021 sono in arrivo due concorsi per assunzioni di personale ATA e l’inserimento avverrà tramite dei concorsi per soli titoli, dunque senza prove d’esame, che daranno l’accesso alle graduatorie ATA.

 

Una volta inseriti nell’elenco di Istituto o provinciale si può essere chiamati per supplenze o per assunzioni, a tempo determinato o indeterminato (dipende dalla graduatoria e della fascia).

 

Per vedere i prossimi bandi in uscita, bisogna collegarsi alla pagina dedicata al reclutamento del personale ATA sul portale web del MIUR.

 

La presentazione delle domande, solitamente, avviene in parte online, attraverso il Servizio Istanze OnLine del MIUR, accessibile tramite la piattaforma POLIS – Presentazione On Line delle IStanze.

 

Le Graduatorie del Personale ATA

ll personale ATA, così come avviene per i docenti, viene assunto mediante non solo le graduatorie di circolo e d’istituto, ma anche le graduatorie e gli elenchi provinciali.

 

Come si entra in graduatoria ATA? Come detto in precedenza l’inserimento negli elenchi del personale ATA avviene mediante concorsi pubblici per titoli e/o esami.

 

I bandi ATA vengono pubblicati periodicamente e sono finalizzati all’inserimento in graduatoria e/o all’aggiornamento della propria posizione, ad esempio per l’acquisizione di punteggi derivati da titoli di servizio e/o di studio conseguiti.

 

Ciascun concorso del personale ATA viene indetto con cadenza differente, a seconda della graduatoria di riferimento.

 

In base ai concorsi personale ATA vengono redatte le seguenti graduatorie:

 
  • Graduatorie di Circolo e d’Istituto,
  • Graduatorie ed Elenchi Provinciali.
 

Graduatorie di Circolo e d’Istituto

Riguardano le assunzioni a tempo determinato e le supplenze del personale ATA. Sono divise in 3 fasce, che determinano la convocazione dei candidati, e sono così suddivise.

 

Graduatoria Personale ATA Prima Fascia

Comprende i candidati inseriti nelle graduatorie provinciali permanenti (24 mesi – art 554 del D.lgs 297/1994).

 

Graduatoria Personale ATA Seconda Fascia

Comprende i candidati inseriti nelle graduatorie provinciali ad esaurimento per CS, negli elenchi provinciali ad esaurimento per AA, AT, CU, IF e GU (DM 75/2001), e negli elenchi provinciali ad esaurimento per CR (DM 35/2004).

 

Graduatoria Personale ATA Terza Fascia

Viene redatta sulla base dell’apposito concorso personale ATA, che viene bandito dal MIUR ogni 3 anni per l’affidamento di incarichi di supplenza a tempo determinato. Tutti quelli che possiedono i titoli di studio richiesti dal bando ATA possono accedere, non serve infatti avere alcuna esperienza per accedervi.

 

Graduatorie ed Elenchi Provinciali

Le graduatorie provinciali ATA vengono utilizzate per le assunzioni a tempo indeterminato e il conferimento di supplenze annuali e temporanee. Sono articolate 2 tipologie, così articolate.

 

Graduatorie provinciali permanenti

Vengono redatte in base ad appositi bandi ATA pubblicati, ogni anno, dagli Uffici scolastici Regionali, per ognuno dei profili professionali previsti, per il conferimento di incarichi di lavoro permanenti.

 

Comprendono i candidati che possiedono i titoli per accedere ai profili professionali delle Aree A e B del personale ATA (24 mesi – art 554 del D.lgs 297/1994), che hanno già prestato servizio per 24 mesi, anche non continuativi, presso le scuole statali, nel profilo professionale per il quale intendono concorrere.

 

Chi è inserito in questi elenchi viene inserito anche in quelli di circolo e d’Istituto di prima fascia.

 

Graduatorie ed elenchi provinciali ad esaurimento

gli elenchi vengono realizzati in base a quanto previsto dai DDMM 75/2001 e 35/2004, per l’affidamento di supplenze annuali e temporanee, fino alla fine delle attività scolastiche. Comprendono Collaboratori Scolastici, Assistenti Amministrativi, Assistenti Tecnici, Cuochi, Infermieri, Guardarobieri e Addetti alle aziende agrarie.

 

L’inserimento in questi elenchi implica l’inserimento anche nelle graduatorie di circolo e d’Istituto di seconda fascia.

 

Aggiornamento Graduatorie ATA nel 2021

L’uscita del bando per l’aggiornamento delle graduatorie personale ATA di terza fascia è previsto per il 2021.

 

È utile prepararsi al meglio alle nuove graduatorie accrescendo le proprie competenze e aumentare il proprio punteggio in graduatoria tramite corsi specifici riconosciuti dal Miur, in particolare con le certificazioni informatiche sull’uso del pc, valide per tutti, sia gli esperti che quelli che utilizzato questi strumenti per le prime volte.

 

Come aumentare il punteggio del Personale ATA

Dopo aver inteso come funzionano le graduatorie, è importante sapere come aumentare il punteggio in graduatoria per il personale ATA.

 

Il metodo più facile e vincente per ottenerlo è quello di ottenere certificazioni, soprattutto informatiche, che ci permetteranno così non solo di ricevere prezioso punteggio da utilizzare in graduatoria ma anche di apprendere competenze importantissime e richieste ormai in ogni ambito.

 

Come si legge nel sito del MIUR:

 


La legge 107 del 2015 definisce la formazione del personale della scuola come “obbligatoria, permanente e strategica” e la riconosce come opportunità di effettivo sviluppo e crescita professionale, per una rinnovata credibilità sociale di contributo all’innovazione e alla qualificazione del sistema educativo.

 

Sono diversi i titoli da utilizzare per aumentare il punteggio in graduatoria ATA, che a breve vedremo insieme nel dettaglio.

 

Formazione per Personale ATA

Andiamo a vedere nello specifico quali sono i titoli valutabili a punteggio, come definito nel decreto ministeriale 716/2014:

   

Tra questi il modo più semplice ed efficace per aumentare i punti in graduatoria è sicuramente la certificazione informatica.

 

La certificazione informatica è fondamentale e riconosciuta a livello internazionale, inoltre prova la conoscenza dei principi fondamentali informatici e le abilità che servono per l’utilizzo di un personal computer e dei maggiori programmi applicativi.

 

Corso di Dattilografia Online

Il corso di Dattilografia online ti permette di guadagnare 1 punto nella graduatoria per personale ATA ed ha una durata di 200 ore.

 

Il  Corso Dattilografia online  insegna a scrivere correttamente e velocemente con la tastiera del PC, consentendo di acquisire delle capacità pratiche che interessano principalmente 3 aree:

 
  • Tastiera Cieca
  • Precisione Di Scrittura
  • Velocità di Scrittura
 

Poiché il corso di dattilografia è online, è possibile fruibile in maniera telematica in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo di questo percorso di formazione, dunque il corsista potrà studiare il materiale didattico che gli verrà inviato e dovrà esercitarsi a casa in autonomia.

 
Dattilografia: il significato
 

La Dattilografia è una disciplina Professionale Completa, che ha avuto una grande evoluzione ed è entrata in ogni settore. Essa consiste nella tecnica e pratica di scrittura nata a Macchina, aggiornata ai giorni nostri come Scrittura a Computer.

 
Corsi di dattilografia riconosciuti dal MIUR
 

Il corso completamente online in dattilografia offerto da Alteredu è completamente riconosciuto dal MIUR. Infatti permette di guadagnare 1 punto nella graduatoria per le figure del personale ATA che sono Assistente Amministrativo.

 
Attestato Dattilografia per Personale ATA
 

Al superamento dell’esame finale del corso dattilografia online verrà rilasciato un  Attestato di Addestramento Professionale riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).

 
Dattilografia per Personale ATA
 

Approfitta subito della nostra offerta: Certificazione Dattilografia ATA Online, che ti permette di avere 1 punto in più in graduatoria.

   

Certificazione EIPASS per Personale ATA

La certificazione EIPASS ATA permette di acquisire 0,60 per assistenti amministrativi, assistenti tecnici, cuochi o infermieri e fino ad un massimo di 0,30 punti per i profili di collaboratori scolastici, addetti alle aziende agrarie e guardarobieri.

 

Acquisendo la certificazione EIPASS ATA sarà possibile così non solo aumentare il punteggio in graduatoria ATA, ma anche acquisire competenze fondamentali al giorno d’oggi dal punto di vista informatico.

 

Grazie alla piattaforma EIPASS Didasko, attraverso la quale è possibole accedre al corso sarà semplicissimo formarsi con il supporto di qualsiasi dispositivo (PC, Tablet, Smartphone,..) e in qualunque momento.

 

Corso di formazione per Docenti e Personale ATA sul Rischio Biologico Covid nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia

La pandemia causata dal Coronavirus ha messo in evidenza ancor di più il cosiddetto rischio biologico, un tipo di rischio in base al quale le aziende o gli enti si possono classificare in due tipi:

 
  • chi utilizza organismi biologici durante le proprie attività;
  • chi non impiega agenti biologici durante il lavoro, ma potenzialmente potrebbero entrare in contatto con qualcuno di essi.
 

In entrambi i casi la legge stabilisce che la sorveglianza sanitaria è obbligatoria e comprende l’effettuazione di monitoraggi biologici in modo periodico, che sono stabiliti dal Medico Competente e dal datore di lavoro sulla base degli scenari di esposizione specifici, i cui risultati devono essere comunicati al lavoratore esposto.

 

Il corso sul rischio Covid nelle scuole, redatto ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i., correttivo D.Lgs. 106/09 in riferimento al CS n. 44/2020 (Riaperture scolastiche dell’ISS), ha l’obiettivo per rispondere prontamente a casi sospetti/probabili e confermati di COVID-19 nonché di attuare strategie di prevenzione previste nei protocolli.

 

Il corso sul Rischio Biologico legato al Covid nelle scuole è interamente online, compreso il Test Finale, inoltre costituisce quota per l’aggiornamento quinquennale dei lavoratori.

   

Extra: come presentare la domanda di bidello senza diploma

Riguardo al mono del personale ATA, ti interesserebbe sapere se è possibile diventare bidello senza avere preso il diploma scolastico?

 

La risposta è : ci sono alcuni istituti scolastici privati, che assumono bidelli senza che abbiano in possesso il diploma di licenzia media superiore, ma solo quello di licenza media. Essendo istituti privati, in genere c’è un’agenzia interinale che si occupa delle assunzioni.

 

In particolare l’agenzia è Umana Spa, la quale ha pubblicato i requisiti per potersi candidare e fare la domanda bidello senza diploma per conto di alcuni Istituti privati, eccoli qui di seguito:

 
  • età compresa tra 18 e 65 anni
  • esperienza pregressa nel ruolo
  • possesso di una licenza media minima
  • capacità di lavorare a contatto di bambini e adolescenti
 

C’è da tenere presente che l’offerta di lavoro prevede che le risorse scelte saranno assunte inizialmente con un contratto a tempo determinato di sei mesi con alloggio compreso, e successivamente verrà valutata la stabilizzazione successiva.

 

Come candidarsi a bidello senza avere un diploma

Se vuoi fare la domanda bidello senza diploma nella città di Milano visita l’area dedicata agli annunci per collaboratore scolastico del sito del Comune.

 

Se vuoi fare la domanda bidello senza diploma presso diverse città italiane, puoi visitare il portale impiego24.it.

 

Conclusioni su come aumentare il punteggio in graduatoria per docenti e personale ATA

Abbiamo visto quindi, una panoramica completa su come aumentare punteggio graduatoria, sia per gli insegnanti che per il personale della scuola, sono diversi i modi in cui è possibile mettere fieno in cascina per migliorare la propria posizione in elenco. Sicuramente la via più immediata risulta essere quella dei corsi online.

 

Il primo motivo, perché permette di ricevere una formazione adeguata sulle ultime tecnologie. Restando sempre al passo con i tempi. Il secondo, perché permette di seguire i corsi in assoluta facilità.

 

Quante volte si è rinunciato a seguire un corso online per la mancanza di tempo o per i troppi impegni della giornata? Con i corsi online, è possibile invece gestire i propri impegni al meglio. Dal pc, dal tablet o dallo smartphone anche 5 minuti sono utili per seguire quel modulo o quella lezione in più che ci permetteranno di conseguire la certificazione.

 

Sarà possibile così gestire al meglio le proprie faccende. Senza l’assillo di essere dall’altra parte della città e avere solo 10 minuti di tempo per arrivarci. Comodamente da casa propria, o da dove si preferisce, sarà possibile acquisire nuove competenze e avere un vantaggio competitivo rispetto agli altri colleghi, ancora legati ai tradizionali e più lenti metodi formativi.

 

Acquisisci ora fino a 2 punti per i docenti e fino a 0,60 punti per il personale ATA grazie ai corsi EiPass Teacher, EiPass Tablet, Eipass Lim e EiPass Personale ATA. È il modo più facile e veloce!

 

Seguici sulla nostra pagina Facebook per tenerti sempre aggiornato sulle ultime news sul mondo della Scuola. Oppure iscriviti alla nostra newsletter per ottenere delle promozioni esclusive!


PROMOZIONE BOMBA:
CORSO DATTILOGRAFIA ONLINE

Scopri subito l’offerta cliccando sul bottone qui in basso!