Nessun prodotto nel carrello.
Subtotale:
Certificazioni linguistiche

Cosa trovi in questo articolo

Perfette da spendere per guadagnare punti nelle graduatorie docenti ma anche nel mondo del lavoro a 360° le certificazioni linguistiche diventano sempre più fondamentali.

 

Ma quali sono, a cosa servono e come ottenerle? Facciamo il punto della situazione.

 

Cosa sono le certificazioni linguistiche

In un mondo sempre più globalizzato conoscere le lingue è diventato necessario. Interfacciarsi con altre culture è all’ordine del giorno. Avviene durante i viaggi all’estero, ma anche nella propria quotidianità.

 

Spesso si ha la necessità di imparare l’inglese anche per ragioni lavorative, dato che si possono avere rapporti con uffici o dipendenti stranieri e spesso ci si ritrova a dover scrivere o parlare in questa lingua.

 

Certificazioni linguistiche

Conoscere le lingue è al giorno d’oggi indispensabile, visto il continuo interfacciarsi con altre culture

 

Non solo. Le certificazioni linguistiche sono diventate sempre più importanti anche i docenti.

 

Di cosa si tratta? Di sicuro è questa la domanda da cui partire per capire fino in fondo l’importanza della cosa.

 

Partiamo con il dire che si tratta di una attestazione internazionale che, quindi, viene riconosciuta anche fuori dall’Italia.

 

Possiamo definire la certificazione linguistica come un attestato che certifica il livello di conoscenza di una lingua straniera. Questo livello è stabilito su quello che è il Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue che è in vigore dal 1996, anno in cui venne adottato dal Consiglio d’Europa

 

Quando si desidera ottenere una certificazione linguistica valida per le graduatorie docenti si deve fare attenzione a scegliere un ente formatore riconosciuto dal MIUR. Il rischio, altrimenti, è quello di non avere tra le mani un certificato valido e ufficiale.

 

Certificazioni linguistiche: i livelli

Possiamo dividere i vari livelli in:

 
  • livello elementare (A1, A2)
  • livello intermedio (B1, B2)
  • livello avanzato (C1, C2)
 

Alla luce di quanto detto è interessante capire quali sono le competenze per ciascun livello.

 

Partendo dal più elementare, ossia il livello A1, si può dire che chi lo raggiunge è in grado di capire e utilizzare le espressioni base che servono per riuscire a intavolare una discussione basata sulla necessità di soddisfare un bisogno concreto.

 

Certificazioni linguistiche

I gradi A rappresentano il livello elementare, i gradi B il livello intermedio ed i gradi C il livello avanzato

 

Si tratta di frasi quotidiane e semplici, che permettono di interagire con gli altri anche se questi ultimi dovranno parlare piano e farsi comprendere al meglio. Si tratta del primo livello in assoluto.

 

Chi raggiunge il livello A2, invece, sa fare capire i suoi bisogni primari e sa parlare della sua quotidianità e della sua famiglia. Conosce frasi chiave che permettono di avere dei semplici scambi con un interlocutore.

 

Passando al livello intermedio ci sono il B1 e il B2. In questo caso la conoscenza della lingua si fa più approfondita e sarà possibile comprendere e produrre dei testi, più o meno complessi in base al livello che si raggiunge, sostenere dialoghi un po’ più articolati e descrivere situazioni o ambienti.

 

Infine c’è il livello avanzato che permette di padroneggiare la lingua straniera in maniera sciolta, sostenendo dei dialoghi precisi e scorrevoli.

 

Un susseguirsi, quindi, che porta a conoscere una lingua dalle basi per poi arrivare a un livello avanzato e utile sia nella propria quotidianità che nella vita lavorativa e, in particolare, nelle graduatorie docenti.

 

Le certificazioni linguistiche per i docenti

Ma perché le certificazioni linguistiche sono importanti per i docenti? C’è chi pensa che l’inglese, il francese, lo spagnolo o il tedesco lo debbano conoscere solo gli insegnanti di lingua. Non è così.

 

Oggi come oggi conoscere le lingue straniere è importante in ogni caso e questo vale soprattutto per i docenti della scuola che, grazie alle certificazioni linguistiche, possono ottenere punti nelle graduatorie.

 

Certificazioni linguistiche

Le certificazioni ti consentono di apprendere e certificare le tue conoscenze in una lingua, oltre ad essere utili in bandi e graduatorie

 

Nello specifico, ai docenti viene richiesto almeno un livello B2 di conoscenza della lingua straniera. Si tratta di un requisito fondamentale, tanto che nei concorsi della scuola ci saranno quesiti dedicati alla conoscenza delle lingue e si dovrà tenere una prova orale per comprovare la conoscenza della lingua inglese livello B2.  

 

Rimane sempre valido, e di certo non secondario, il fatto che le certificazioni linguistiche riconosciute dal MIUR sono in grado di far ottenere punteggio nelle graduatorie.

 

Ogni docente o aspirante docente dovrebbe ambire a migliorare il proprio curriculum, così da raccogliere punti e scalare le varie graduatorie.

 

Non resta che capire quanti punti danno le certificazioni linguistiche per le graduatorie docenti.

 

Guardando le tabelle di valutazione dei titoli possiamo dire che:

 
  • certificazione linguistica livello B2: 3 punti in graduatoria
  • certificazione linguistica livello C1: 4 punti in graduatoria
  • certificazione linguistica livello C2: 6 punti in graduatoria
   

Come si nota sono tanti i punti che si possono ottenere ed è più semplice che mai scalare le graduatorie se si è in possesso di una certificazione linguistica.

 

Ricordiamo, però, che devono essere certificazioni riconosciute dal MIUR perché altrimenti la loro validità nella scuola è pressoché nulla.

 

I corsi e le certificazioni linguistiche Alteredu

Per prepararsi e ottenere le certificazioni linguistiche è utile affidarsi a degli enti formatori che siano al contempo validi e accreditati.

 

Alteredu dà la possibilità di scegliere tra tantissimi corsi e certificazioni linguistiche da scegliere in base alle proprie esigenze.

 

Il vantaggio dei corsi Alteredu è che sono tutti in modalità e-Learning. Cosa significa? Che possono essere seguiti direttamente da casa propria, quando si preferisce.

 

Una soluzione ottima per quei docenti già in servizio che vogliono migliorare il proprio punteggio o per chi deve fare i conti con giornate piene e poco tempo a disposizione per seguire delle lezioni ad orari prestabiliti.

 

La flessibilità negli orari si coniuga con la serietà di Alteredu, che permette di seguire dei corsi di preparazione e di perfezionamento che sono riconosciuti e che sono in molti casi propedeutici agli esami per le certificazioni. C’è l’imbarazzo della scelta e, per questo motivo, ogni esigenza verrà rispettata e il compito di apprendere le lingue per migliorare la propria posizione lavorativa o nelle graduatorie docenti sarà un gioco da ragazzi.