PROMO START: sconto del 30% con il codice START30

logo-alteredu-sito
supplenze ata

Cosa trovi in questo articolo

Il personale ATA lavora nelle scuole e può rivestire ruolo amministrativo, tecnico o ausiliario. Per poter diventare personale ATA  bisogna partecipare ad un concorso per soli titoli che permette di accedere ad una graduatoria in base alla quale si può essere chiamati per supplenze oppure per assunzioni a tempo determinato o indeterminato. 

 

Le supplenze personale ATA sono regolate dal Decreto Ministeriale 430 del 13 dicembre 2000, secondo cui la copertura dei posti disponibili fino al termine delle attività scolastiche avviene in base allo scorrimento delle graduatorie provinciali permanenti. Nel caso in cui si verifichi in alcune province l’esaurimento delle graduatorie permanenti, le supplenze vengono assegnate in base allo scorrimento di elenchi-graduatorie ad esaurimento costituiti secondo il Decreto Ministeriale 35/2004 e 75/2001.

 

Con lo scorrimento delle graduatorie permanenti si accede nella prima fascia di circolo o istituto, con quello ad esaurimento nella seconda fascia. Per quanto riguarda invece la supplenza temporanea si fa riferimento alla terza fascia di circolo o istituto. Si tratta in questo caso di una graduatoria non annuale ma che viene aggiornata ogni tre mesi. 

 
supplenze ata
Per poter diventare personale ATA  bisogna partecipare ad un concorso per soli titoli

Cosa sono le supplenze del personale ATA? Come funzionano?

Le supplenze personale ATA o personale tecnico, amministrativo o ausiliario sono delle coperture di posti vacanti e non vacanti disponibili entro il 31 dicembre dell’anno solare. Le supplenze ATA sono generalmente annuali ma possono essere anche temporanee per la copertura di posti che si sono resi liberi per l’assenza momentanea del titolare o del supplente stesso che ha incarico dal 31/12 al 30/06.

 

Per l’assegnazione delle supplenze ATA annuali o temporanee si fa ricorso ad una graduatoria. Esistono tre tipi di graduatoria che sono quella permanente provinciale, quella provinciale ad esaurimento e quella d’istituto. In prima battuta il personale ATA viene assunto secondo lo scorrimento delle graduatorie permanenti provinciali o graduatorie di prima fascia ATA 24 mesi, dopodiché si procede con lo scorrimento della seconda fascia o graduatoria provinciale ad esaurimento ed infine con la graduatoria di terza fascia. 

 

A partire dall’anno scolastico 2021-2022 il MIUR ha modificato la convocazione delle graduatorie d’istituto secondo un comunicato del ministero del settembre 2021. La gestione dell’accettazione di una convocazione deve infatti essere fatta online tramite l’apposita piattaforma SIDI nell’area reclutamento cliccando su convocazione da graduatoria d’istituto del personale ATA.

 

In altri termini gli istituti scolastici individuano gli aspiranti supplenti e li convocano con un messaggio, dopodiché gli uffici scolastici pubblicano gli avvisi per la convocazione dei supplenti per comunicare l’esaurimento della graduatoria. 

 

Quanto si guadagna con le supplenze ATA?

Lo stipendio di un supplente ATA varia in base alle mansioni che svolge e al ruolo che ricopre. Il personale ATA non è tutto uguale e per specializzarsi in specifiche mansioni è necessario seguire dei corsi ata riconosciuti dal miur, utili per formarsi ed apprendere i compiti specifici. 

 

Un collaboratore scolastico ha in genere uno stipendio di 1300€ lordi, con un netto pari a 1000€ e un totale annuo di 15.000€.

 

Se invece il personale ATA svolge un ruolo di assistente tecnico lo stipendio sarà compreso tra i 1450-1500€ lordi con un netto mensile di 1200€ e con un totale lordo annuo di 17.300€ circa.In ultima analisi il personale amministrativo con un’anzianità compresa tra 1 ed 8 anni avrà uno stipendio di 1450€ lordi al mese, pari a 1200€ netti e corrispondenti a circa 17.400€ annui lordi. 

 

A queste cifre bisogna aggiungere 5 mesi di stipendio arretrato per cui dovrebbero avere in restituzione circa 6000€ netti. Naturalmente lo stipendio può subire delle variazioni anche in base al numero di ore ed all’anzianità di servizio. In ogni caso la retribuzione di un supplente ATA è stabilita dal contratto collettivo nazionale del lavoro. 

 

Il CCNL stabilisce infatti lo stipendio tabellare lordo o retribuzione base che viene di volta in volta aggiornato in base al rinnovo del contratto nazionale ed agli incrementi mensili. Per conoscere lo stipendio netto bisogna dunque sottrarre al lordo il 30-35% e poi sommare gli altri compensi e tutte le eventuali indennità. 

 
supplenze ata
Un collaboratore scolastico ha in genere uno stipendio di 1300€ lordi, con un netto pari a 1000€ e un totale annuo di 15.000€

Supplenze ATA: Convocazioni e Graduatorie

Le supplenze ATA possono essere annuali o temporanee e vengono assegnate secondo una graduatoria permanente provinciale, una graduatoria ad esaurimento o ancora una graduatoria di terza fascia o di istituto. Le modalità di convocazione del personale ATA sono state definite dalla circolare ministeriale 6/8/2021 secondo la quale il tutto è stato informatizzato al punto che ciascuna scuola può accedere in un apposito spazio dedicato per consultare la risposta dei supplenti. 

 

Per essere convocato ogni aspirante supplente ha bisogno di un certo punteggio e per ottenerlo è possibile seguire dei corsi per acquisire punteggio personale ata, appositamente dedicati a chi vuole migliorare la propria posizione. L’inserimento nelle graduatorie per personale ATA avviene in seguito alla pubblicazione di un bando. Per poter partecipare non è richiesto un concorso ma è sufficiente la presentazione dei titoli che servono sia per l’inserimento in graduatoria che per l’avanzamento di posizione. 

 

Come fare ad essere convocati

La convocazione per supplenze ATA è informatizzata. I diversi istituti scolastici utilizzano il sistema informatico del MIUR o SIDI ed accedono alle graduatorie per convocare gli aspiranti supplenti tramite l’invio di una pec con avviso di ricevimento. 

 

All’interno della pec sono presenti tutte le informazioni relative alla supplenza. Se il periodo di supplenza è uguale o superiore a 30 giorni la convocazione deve essere fatta con un preavviso di almeno 24 ore prima del termine ultimo per dare risposta. Una volta inviate le varie convocazioni ogni istituto può accedere alla piattaforma SIDI cliccando sulla voce <<convocazioni graduatoria d’istituto>> per verificare la risposta degli aspiranti supplenti. 

 

Il ruolo delle graduatorie nelle Supplenze ATA

Le graduatorie ATA rappresentano l’elenco dei nomi di persone che in base a titoli, a meriti o ad altri criteri hanno ottenuto un punteggio tale da essere convocati secondo un ordine ben preciso. Per il personale ATA sono presenti tre tipi di graduatorie tra cui quella provinciale permanente, la graduatoria ad esaurimento e quella di terza fascia o d’istituto. 

 

Per poter essere inseriti nelle graduatorie ATA è sufficiente partecipare al bando con una domanda online sull’apposita piattaforma POLIS cliccando su presentazione online delle istanze e presentando tutti i titoli – sia culturali che di servizio- entro i termini di scadenza indicati dal bando. 

 

Il punteggio per ciascun aspirante supplente è determinato dalla somma dei punti assegnati ad ogni titolo. Per chi non ha mai lavorato nelle scuole il primo passo per poter lavorare come supplenti è quello di partecipare al bando per l’inserimento nelle graduatorie ATA di istituto o di terza fascia. Si tratta di graduatorie che vengono aggiornate ogni tre anni, per cui nel frattempo è possibile avanzare solo per scorrimento. 

 

Come entrare in graduatoria ATA

Per poter entrare in graduatoria ATA bisogna presentare una domanda online sulla piattaforma POLIS del MIUR accedendo alla sezione <<presentazione online delle istanze>> entro e non oltre i termini stabiliti per la presentazione.Ogni scuola dispone di tre tipi di graduatorie, permanenti o di prima fascia, ad esaurimento o di seconda fascia e di terza fascia. Per le supplenze annuali e temporanee utilizzano le graduatorie permanenti aggiornate annualmente; esaurite le graduatorie permanenti si passa a quelle ad esaurimento ed infine a quelle di terza fascia. 

 

Chi è escluso dalle supplenze brevi per ATA?

Le supplenze brevi del personale ATA sono assegnate in base a specifiche graduatorie. Secondo quanto stabilito dal MIUR il dirigente scolastico non può assegnare delle supplenze brevi per sostituire il personale ATA che è momentaneamente assente e che ha determinati profili professionali. Nello specifico non può farlo nel caso in cui si tratti di assenza di un assistente amministrativo o di un assistente tecnico. Qualora ad assentarsi sia un collaboratore scolastico non è possibile la sostituzione per i primi 7 giorni di assenza. 

 

I punti salienti del regolamento per supplenze ATA

Il regolamento per le supplenze del personale ATA è stabilito dal Decreto Ministeriale 413 del dicembre 2000 il quale afferma che le supplenze debbano essere attribuite dallo scorrimento delle graduatorie. In altri termini i supplenti sono convocati a partire dalla graduatoria permanente, successivamente da quella ad esaurimento e se necessario da quella di circolo o istituto di terza fascia. 

 

Con la circolare del D.M. del 2021 si è stabilito che sia la domanda per l’inserimento in graduatoria che la convocazione devono essere fatte online attraverso l’apposita piattaforma del MIUR. Ogni scuola accede pertanto alle graduatorie attraverso il SIDI, convoca gli aspiranti supplenti tramite PEC e visualizza la risposta sulla piattaforma cliccando sulla voce convocazioni.  

 

Come aumentare il punteggio ATA

Se vuoi sapere come aumentare punteggio ATA sei nel posto giusto. Per avere più possibilità di salire in graduatoria sono previsti diversi corsi o percorsi di formazione che ti permettono di ottenere dei titoli o certificazioni, e dunque di acquisire punti per il personale ATA.

 

Ecco quali sono i titoli, le qualifiche e le certificazioni principali per aumentare il punteggio ATA:

 

Ottenendo uno o più di questi titoli, qualifiche o certificazioni sarà possibile aumentare il punteggio ATA acquisito, in modo da salire in graduatoria e raggiungere una posizione che favorisca la probabilità di essere convocati, riducendo anche di conseguenza i tempi di attesa.

 

Nel prossimo paragrafo andremo a vedere nel dettaglio i corsi online per personale ATA più utili per il tuo ruolo, che ti aiuteranno ad aumentare il tuo punteggio in graduatoria.

 

Corso Online OSA

Chiunque desideri aumentare il proprio punteggio può frequentare il corso OSA online riconosciuto dal MIUR proposto da Alteredu. Il corso rilascia 1 Punto per Personale ATA.

 

Il corso è accessibile a chiunque abbia un diploma di scuola secondaria. E’ prevista una durata di 300 ore da frequentare interamente online e che sono suddivise in 84 ore in autonomia, 126 ore in videoconferenza con docente e 90 ore di laboratorio. La frequenza è obbligatoria e al termine del percorso è previsto un esame finale. 

   

Corso Online Coordinatore Amministrativo

Anche il corso Coordinatore Amministrativo online riconosciuto dal MIUR rilascia 1 Punto per Personale ATA.

 

E’ prevista una durata di 300 ore da frequentare interamente online e che sono suddivise in 84 ore in autonomia, 126 ore in videoconferenza con docente e 90 ore di laboratorio. La frequenza è obbligatoria e al termine del percorso è previsto un esame finale. 

   

Consigli per aumentare il punteggio in graduatoria ATA

Per l’inserimento nelle graduatorie personale ATA non sono richiesti esami ma solo titoli, ognuno dei quali ha un valore stabilito in base alla tabella del MIUR. Per poter aumentare il punteggio per un miglior posizionamento in graduatoria è bene presentare un maggior numero di certificazioni ed attestati che possono essere riconosciuti.

 

Qualcuno decide di frequentare corsi di formazione online per aumentare il numero di titoli e certificazioni di cui è in possesso. Per l’assistente amministrativo l’attestato di dattilografia vale 1 punto, il titolo di studio da 6 a 10 punti, le certificazioni informatiche 2 punti così come la laurea mentre l’idoneità ai concorsi pubblici per esame vale 1 punto. Per il collaboratore scolastico danno 1 punto le qualifiche socio-sanitarie e 0,3 punti le certificazioni informatiche. 

   

L’offerta di Alteredu per aumentare il punteggio per il personale ATA

NOVITA’ GRADUATORIA 2024: Il nuovo CCNL del Comparto Istruzione e Ricerca prevede che tutti coloro che vogliano inserirsi in Graduatoria ATA III fascia nel 2024 abbiano conseguito la certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale. EIPASS è titolo valido come certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale!

   

Essere in possesso di attestati e certificazioni è importante per un buon posizionamento nelle graduatorie ATA e per un avanzamento in caso di aggiornamenti. Chi desidera migliorarsi ed acquisire nuovo punteggio può affidarsi ad Alteredu, una piattaforma online che mette a disposizione dei suoi utenti diversi corsi online certificati

 

Tra i corsi appositamente pensati per il personale ATA molto conosciuto ed apprezzato è il corso EIPASS per personale ATA online con certificazione. La certificazione vale 0.5 punti per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto di seconda e terza fascia, massimo 0.60 punti per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto personale ATA di terza fascia e 0.5 punti per l’aggiornamento delle graduatorie permanenti 24 mesi. Il corso che si tiene online e si compone di 5 moduli ha un costo di 244€.

 

È possibile frequentare un corso che permette di ottenere una certificazione informatica EIPASS 7 moduli USER. Nella graduatoria personale ATA è infatti possibile guadagnare da 0.3 a 0.6 punti. Si tratta di corsi certificati dal MIUR che prevedono un esame finale che consiste in un test di 30 domande a risposta multipla che è ritenuto superato solo se si risponde correttamente almeno al 75% delle domande.

Oltre ai corsi indicati, Alteredu ne propone molti altri. Un ente formatore valido e riconosciuto dal MIUR che offre un vasto catalogo di corsi online per migliorare la posizione in graduatoria ATA.

 

Avere la possibilità di seguire dei corsi online ha una serie di vantaggi non da poco. Innanzitutto, si può decidere di seguire il corso quando si preferisce, comodamente da casa propria e conciliando questa esigenza con il proprio lavoro e la propria quotidianità.

 

Non solo. Tutti i corsi Alteredu sono riconosciuti ed è per questo che danno la sicurezza di accumulare i punti necessari per migliorare la propria posizione in graduatoria.

   

Quale Certificazione Stai Cercando?

SCARICA IL DOSSIER DI ALTEREDU
SULLA SICUREZZA ANTINCENDIO

Non perdere gli ultimi aggiornamenti alla normativa in materia di sicurezza antincendio. Scarica il dossier compilando il modulo qui in basso:

SCARICA IL PAPER DI ALTEREDU SULLE NOVITA’ IN MATERIA DI SICUREZZA!

Non perdere gli ultimi aggiornamenti in materia sicurezza nei luoghi di lavoro. Per farlo, ti basta compilare il modulo qui in basso