Corsi con qualifica professionale scontati al 30% in meno!

logo-alteredu-sito
sanificazione obbligatoria ristoranti

Cosa trovi in questo articolo

Nel settore della ristorazione, dove le normative sulla pulizia, l’igiene e la sicurezza sono molto rigorose, la sanificazione è una procedura regolamentata che rientra nella normativa HACCP. Gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare rigorose norme per garantire la salute dei consumatori.

 

In questo articolo, esploreremo le linee guida e le normative riguardanti la sanificazione obbligatoria nei ristoranti, fornendo una guida completa per garantire un ambiente di lavoro sicuro ed igienico.

 

Che cos’è la sanificazione nei ristoranti?

La sanificazione nei ristoranti è un processo di pulizia e disinfezione che deve essere effettuato regolarmente per garantire la sicurezza degli alimenti e dei clienti. 

 

Questo processo consiste nell’eliminare lo sporco evidente dalle superfici, sciogliere lo sporco residuo risciacquando con acqua calda e detergente, disinfettare le superfici con prodotti specifici e asciugare accuratamente. 

 

È importante che la sanificazione venga effettuata in modo regolare per prevenire la proliferazione di batteri e virus, soprattutto in periodi come quello attuale in cui l’igiene è fondamentale per la salute pubblica.

 

Quand’è che è obbligatoria la sanificazione di un ristorante?

La sanificazione di un ristorante è obbligatoria in diversi momenti e situazioni. Ad esempio, le tavole e le sedie devono essere sanificate dopo ogni cliente al fine di garantire un ambiente salutare. Inoltre, gli utensili da cucina e da tavola devono essere lavati e sterilizzati regolarmente per evitare la contaminazione incrociata.

 

È importante che tutti i lavoratori della sicurezza alimentare collaborino per mantenere pulito ogni passaggio della catena alimentare, dal personale igienico alla gestione degli alimenti.

 

Qual è la differenza tra sanificazione e pulizia?

Mentre la pulizia si concentra sulla rimozione della sporcizia visibile, la sanificazione va oltre, eliminando anche i batteri e i germi che possono causare malattie.

 

La pulizia è un passaggio fondamentale nella preparazione degli alimenti in un ristorante. Rimuove la sporcizia, il grasso e altri residui visibili dalle superfici della cucina e delle attrezzature. Tuttavia, non è sufficiente per garantire la sicurezza alimentare.

 

La sanificazione è il processo di eliminazione dei batteri e dei germi che possono causare malattie. Questo può essere fatto utilizzando prodotti disinfettanti o attraverso l’uso del vapore ad alta temperatura. La sanificazione dovrebbe essere eseguita regolarmente per prevenire la diffusione di malattie infettive.

 

In sintesi, mentre la pulizia rimuove lo sporco visibile dalle superfici, la sanificazione elimina i batteri e i germi che possono causare malattie.

 

La differenza tra sanificazione straordinaria e periodica nei ristoranti

Se sei proprietario di un ristorante, probabilmente ti sarai chiesto quale sia la differenza tra la sanificazione straordinaria e quella periodica.

 

La sanificazione periodica è una pulizia che viene effettuata regolarmente per mantenere l’igiene del locale. Questa pulizia include la rimozione della polvere, la pulizia dei pavimenti e delle superfici, il lavaggio dei piatti e delle posate, e così via. La frequenza della sanificazione periodica dipende dalle normative locali e dalle esigenze del ristorante.

 

La sanificazione straordinaria, invece, è una pulizia più approfondita che viene effettuata in seguito a situazioni eccezionali come un caso sospetto o confermato di Covid-19 all’interno del locale. In questa situazione, è, infatti, necessario effettuare una sanificazione straordinaria con lo scopo di eliminare ogni traccia del virus dal locale. Questa operazione richiede l’utilizzo di prodotti specifici e l’intervento di personale specializzato.

 
sanificazione obbligatoria ristoranti
La sanificazione è il processo di eliminazione dei batteri e dei germi che possono causare malattie. Questo può essere fatto utilizzando prodotti disinfettanti o attraverso l’uso del vapore ad alta temperatura

La sanificazione obbligatoria e i ristoranti: cosa dice la normativa

Se sei impiegato nel settore della ristorazione, probabilmente conosci l’HACCP, un acronimo che sta per Hazard Analysis Critical Control Point, ovvero “Analisi dei rischi e dei punti critici di controllo”. Questo sistema consente alle aziende che operano con alimenti di rispettare tutte le norme igieniche previste dalle varie leggi, al fine di garantire la sicurezza dei prodotti.

 

La normativa HACCP richiede anche la sanificazione dei ristoranti e di tutti gli altri locali in cui avviene la manipolazione e la somministrazione di alimenti. Questa procedura è obbligatoria per le aziende che devono garantire la sicurezza alimentare. Tra le attività commerciali coinvolte rientrano non solo i ristoranti, ma anche le pizzerie, i bar, le gelaterie, i pub, i bistrot, le mense e i servizi di take away.

 

La sanificazione deve essere certificata?

È importante tenere presente che la sanificazione di un ambiente può richiedere l’utilizzo di nuovi prodotti chimici, i quali potrebbero comportare dei rischi per la salute dei lavoratori. In tali situazioni, il datore di lavoro è tenuto ad aggiornare il Documento di Valutazione dei Rischi per prevenire possibili incidenti o contaminazioni.

 

Inoltre, il certificato di avvenuta sanificazione diventa obbligatorio quando il datore di lavoro decide di affidare la pulizia a un’impresa esterna. Questo documento è fondamentale per garantire che l’impresa utilizzi prodotti adeguati per la pulizia e per proteggersi da possibili conseguenze negative.

 

Esistono alcune situazioni particolari in cui il certificato diventa obbligatorio, ad esempio in caso di focolai o casi sospetti di Covid-19, in zone ad alta incidenza, in ambienti sanitari o in presenza di casi confermati di Covid-19.

 

Per quanto riguarda gli ambienti non sanitari, il datore di lavoro è obbligato a rivolgersi a imprese specializzate solo in caso di casi di Covid-19 accertati all’interno del locale. In tali situazioni, è importante effettuare una corretta sanificazione straordinaria seguendo le modalità indicate nelle comunicazioni del Ministero della Salute.

 

Cos’è il Certificato di avvenuta sanificazione? 

Il certificato di avvenuta sanificazione viene redatto da esperti specializzati nell’utilizzo di attrezzature appropriate per la pulizia degli ambienti. Queste attrezzature devono essere conformi alle norme del marchio CE e vengono utilizzate per eliminare o ridurre i microrganismi patogeni presenti sui materiali, al fine di garantire l’igiene dell’ambiente trattato.

 

Nel certificato di avvenuta sanificazione verranno indicati tutti i dettagli relativi alla pulizia effettuata e ai prodotti utilizzati, per prevenire eventuali contaminazioni dell’ambiente successivamente alla sanificazione. Questo documento potrebbe essere richiesto in particolari contesti, come in ambienti sanitari, scolastici o lavorativi, al fine di garantire la sicurezza degli occupanti dell’ambiente trattato.

 

Per ottenere un certificato di avvenuta sanificazione affidabile, è fondamentale rivolgersi a esperti del settore che impiegano strumenti e prodotti sicuri ed efficaci per la disinfezione degli ambienti.

 

Quando è obbligatorio e chi può rilasciarlo?

Non sempre è necessario produrre un certificato di avvenuta sanificazione, ma in alcune circostanze diventa obbligatorio farlo. 

 

In ambiente sanitario, ad esempio, il certificato deve essere redatto da personale specializzato e autorizzato. In ambienti di lavoro come ospedali, laboratori chimici o del settore alimentare, il certificato diventa obbligatorio per proteggere la salute dei lavoratori in ambienti a rischio. Durante l’emergenza Covid-19, molti istituti scolastici hanno anche richiesto il certificato di avvenuta sanificazione come misura precauzionale.

 

Sono le aziende specializzate nella pulizia e disinfezione degli ambienti a poter rilasciare il certificato di avvenuta sanificazione. Tuttavia, è importante selezionare un’organizzazione affidabile e professionale al fine di garantire l’efficacia del processo di sanificazione.

 

La sanificazione obbligatoria dei ristoranti: cosa si deve fare

La sanificazione obbligatoria dei ristoranti è un tema molto importante per garantire la sicurezza alimentare e proteggere la salute dei clienti e del personale. In generale, gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare le norme igienico-sanitarie previste dalla normativa HACCP.

 

Per quanto riguarda la sanificazione, il primo passo è una corretta pulizia di tutte le superfici e gli oggetti presenti all’interno del ristorante. Successivamente, si procede con l’utilizzo di prodotti specifici per la sanificazione delle superfici e degli oggetti.

 

In particolare, bisogna prestare attenzione alle zone più a rischio come i bagni, il bancone del bar, le cucine e gli strumenti utilizzati per la preparazione dei cibi. È importante anche adottare procedure mirate per prevenire eventuali contaminazioni incrociate tra gli alimenti.

 

La cadenza della sanificazione obbligatoria varia in base al tipo di attività svolta dal ristorante e alla frequenza dell’utilizzo degli ambienti. Tuttavia, è fondamentale che venga effettuata con regolarità al fine di garantire un ambiente sicuro per i lavoratori e i clienti.

 

In caso di presenza di un caso conclamato di positività al virus Covid-19 all’interno del locale o tra il personale del ristorante, diventa imprescindibile effettuare una sanificazione straordinaria.

 

Infine, ci sono aziende specializzate nella pulizia e sanificazione dei ristoranti che possono fornire servizi professionali per garantire un ambiente pulito e sicuro.

 
sanificazione obbligatoria ristoranti
La cadenza della sanificazione obbligatoria varia in base al tipo di attività svolta dal ristorante e alla frequenza dell’utilizzo degli ambienti

Le aree e superfici da sanificare

Vediamo ora in modo più approfondito quali sono le aree e le superfici da sanificare all’interno di un ristorante.

 

L’area clienti di un ristorante

Per mantenere l’igiene e la sicurezza nei ristoranti, è necessario effettuare una pulizia e disinfezione accurata di tutte le superfici dell’ambiente generale come pavimenti, pareti, porte interne ed esterne, maniglie, finestre e lampade. 

 

Inoltre, è importante pulire e disinfettare i servizi igienici con particolare attenzione ai pavimenti, alle superfici verticali e agli accessori come sanitari, porte e scovolino per il WC. 

 

Dopo ogni servizio al tavolo, è necessario pulire e disinfettare tutte le superfici evitando l’utilizzo di utensili o contenitori riutilizzabili non igienizzati come saliere o oliere. 

 

Per quanto riguarda i menu, si dovrebbe disinfettarli dopo l’uso o utilizzare menu in stampa plastificata o cartacei a perdere. 

 

Infine, è importante anche la pulizia e disinfezione del materiale tessile come tovaglie, tendaggi, sedie e divani per garantire un ambiente igienico e sicuro per i clienti.

 

La sanificazione dell’area cucina e del bancone

In generale, per garantire l’igiene e la sicurezza in un ambiente di lavoro come quello di una cucina, è necessario effettuare una pulizia e disinfezione accurata di tutte le superfici come pavimenti, pareti, porte, maniglie, ripiani e lampade. 

 

Inoltre, è importante pulire regolarmente le attrezzature specifiche come i taglieri, i coltelli e gli utensili utilizzati per la preparazione del cibo. Anche le macchine come l’affettatrice e il tritacarne devono essere disinfettate con regolarità. 

 

Il reparto cottura con forni, piastre e friggitrici deve essere igienizzato così come comparti di conservazione come celle frigorifere e pozzetti congelatori. 

 

Infine, anche le macchine per il lavaggio devono essere pulite attentamente per garantire un ambiente igienico e sicuro per il personale che lavora nella cucina.

 

Le aree dedicate al personale del ristorante

Per garantire l’igiene e la sicurezza in un ambiente di lavoro come quello di un ristorante, è necessario effettuare una pulizia e disinfezione accurata di diverse superfici come pavimenti, pareti, porte, maniglie, finestre e lampade. 

 

In particolare, i bagni devono essere puliti con frequenza adeguata e prestare attenzione anche alla pulizia degli spogliatoi, magazzini e aree ricovero. 

 

Nell’area cassa è importante disinfettare il POS e gli schermi touch che vengono toccati frequentemente dal personale e dai clienti. 

 

Anche i contenitori per rifiuti devono essere igienizzati internamente ed esternamente per evitare contaminazioni indirette. 

 

Infine, è consigliabile pianificare una tabella dei turni di pulizia e sanificazione effettuati per garantire la massima igiene in ogni momento dell’anno.

 

I prodotti e metodi utilizzati per la sanificazione obbligatoria dei ristoranti

Per assicurare una corretta igiene degli ambienti, è fondamentale utilizzare prodotti specifici in grado di eliminare batteri, virus e funghi e prevenire la diffusione di agenti contaminanti. 

 

I disinfettanti a base di cloro sono tra i più utilizzati per la loro efficacia contro un’ampia gamma di microrganismi, mentre quelli a base di ammonio quaternario sono efficaci contro batteri gram-positivi e gram-negativi, virus e funghi. L’alcol etilico è molto efficace contro virus e batteri ma non ha effetto sui funghi.

 

Ci sono diverse tecniche che possono essere utilizzate per la sanificazione degli ambienti come la pulizia manuale con acqua e detergente, che deve essere effettuata prima della disinfezione per rimuovere lo sporco visibile dalle superfici. 

 

La nebulizzazione è un metodo molto diffuso per le superfici difficili da raggiungere con la pulizia manuale. Inoltre, l’utilizzo del vapore secco rappresenta un altro metodo efficace per eliminare germi e batteri dalle superfici.

 

È importante effettuare la sanificazione regolarmente almeno una volta al giorno o dopo ogni turno o cambio cliente per garantire la massima igiene degli ambienti. 

 

In caso di positività al virus Covid-19 all’interno del locale, occorre effettuare una sanificazione straordinaria per eliminare ogni possibile fonte di contaminazione. È indispensabile scegliere prodotti sicuri ed efficaci e affidarsi a un’azienda specializzata nella sanificazione per garantire il massimo livello qualitativo del servizio.

 

Chi si occupa della sanificazione nei ristoranti?

La sanificazione nei ristoranti è un’operazione fondamentale per garantire la sicurezza alimentare e la salute dei clienti. Ma chi si occupa di questa attività? 

 

In genere, la pulizia e la sanificazione del ristorante sono affidate a imprese specializzate nel settore delle pulizie professionali. Queste aziende offrono servizi di igiene e sanificazione personalizzati, in grado di soddisfare le esigenze specifiche di ogni locale.

 

Le imprese di pulizie impiegano personale altamente qualificato e utilizzano prodotti e attrezzature professionali per garantire una pulizia accurata ed efficace. La sanificazione viene effettuata seguendo le normative HACCP e le linee guida indicate dalle autorità competenti.

 

Inoltre, molti ristoranti scelgono di dotarsi di propri strumenti per la sanificazione, come ad esempio macchinari per la disinfezione dell’aria o prodotti specifici per la pulizia delle superfici. Tuttavia, è sempre consigliabile affidarsi a professionisti del settore per garantire una corretta igiene del locale.

 

Cosa significa “sanificazione periodica” e perché è importante

La “sanificazione periodica” è un insieme di procedure e operazioni che mirano a rendere salubre un ambiente specifico ed è fondamentale per prevenire la diffusione di batteri e agenti contaminanti, inclusi virus come il Covid-19.

 

La sanificazione periodica deve essere eseguita regolarmente in tutti gli ambienti, sia pubblici che privati, per garantire la sicurezza e la salute delle persone che li frequentano.

 

È importante non confondere la sanificazione periodica con la pulizia quotidiana, che si occupa di attività di routine come rimuovere la polvere e svuotare i cestini. La sanificazione periodica va oltre queste attività ed è mirata ad eliminare alla base qualsiasi batterio o agente contaminante presente nell’ambiente.

 

La sanificazione obbligatoria nei ristoranti per il Covid-19: chi la fa e come

La sanificazione obbligatoria nei ristoranti per il Covid-19 è un’operazione fondamentale per garantire la sicurezza dei clienti e del personale. In genere, la pulizia e la sanificazione sono affidate a imprese specializzate nel settore delle pulizie professionali.

 

Per quanto riguarda le procedure da seguire, queste dovrebbero essere effettuate seguendo le linee guida stabilite dalle autorità competenti come il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità.

 

Tra le attività che devono essere eseguite durante la sanificazione obbligatoria nei ristoranti ci sono:

 
  • La pulizia e disinfezione delle superfici toccate frequentemente come tavoli, sedie, maniglie delle porte, corrimano ecc.;
  • La pulizia dei bagni e degli spazi comuni;
  • La ventilazione dell’ambiente;
  • L’utilizzo di prodotti disinfettanti specifici omologati dalla normativa italiana.
 

Inoltre, è importante che il personale addetto alla pulizia sia formato sulle procedure da seguire per una corretta igiene dell’ambiente.

 

Infine, i ristoratori stessi possono adottare misure aggiuntive come l’utilizzo di schermi protettivi o l’organizzazione degli spazi in modo da garantire il distanziamento sociale tra i clienti.

 

Le sanzioni per chi non rispetta l’obbligo di sanificazione di un ristorante

Se sei il proprietario di un ristorante, devi conoscere l’importanza dell’obbligo di sanificazione per garantire la sicurezza dei tuoi clienti e dipendenti. Tuttavia, se non rispetti tale obbligo, ci sono sanzioni amministrative o penali previste, a seconda della gravità dell’infrazione commessa. 

 

Le sanzioni amministrative possono arrivare fino a 10.000 euro e prevedono la sospensione immediata dell’attività per un periodo che va dai 5 ai 30 giorni. Inoltre, in caso di infrazione particolarmente grave, si potrebbe incorrere anche in sanzioni penali con conseguenze ancora più pesanti, come il pagamento di multe salate e addirittura l’arresto.

 

Per evitare queste sanzioni, è fondamentale rispettare tutte le norme igienico-sanitarie previste dalla legge. Ciò significa pulire e disinfettare regolarmente tutti gli ambienti del ristorante, compresi i servizi igienici e le superfici a contatto con gli alimenti. 

 

È altrettanto importante fornire ai dipendenti tutte le attrezzature necessarie per garantire la massima igiene durante i turni di lavoro (come guanti monouso e mascherine) e formarli adeguatamente sulle procedure da seguire per evitare la diffusione di eventuali malattie infettive.

 

Come diventare un esperto di sanificazione ed evitare le sanzioni

Per diventare un esperto di sanificazione e prevenire le sanzioni, ci sono alcune azioni che puoi intraprendere:

 
  1. Formazione: acquisisci conoscenze sulle norme igienico-sanitarie previste dalla legge e sui prodotti specifici per la pulizia e la disinfezione degli ambienti.
  2. Esperienza pratica: metti in pratica le conoscenze acquisite svolgendo attività di pulizia e sanificazione in diversi contesti.
  3. Aggiornamento costante: rimani sempre aggiornato sulle novità riguardanti le normative igienico-sanitarie e i prodotti disponibili nel mercato.
  4. Utilizzo di strumenti adeguati: utilizza attrezzature professionali specifiche per la pulizia e la disinfezione degli ambienti, come ad esempio macchine lavasciuga o generatori di ozono.
  5. Collaborazione con imprese specializzate: se non hai il tempo o le competenze necessarie per effettuare autonomamente la sanificazione degli ambienti, puoi affidarti a imprese specializzate nel settore delle pulizie professionali.
 

Ti consigliamo, in particolare, i nostri seguenti corsi online incentrati sulle tematiche della sanificazione:

   

FAQ sulla Sanificazione Obbligatoria dei Ristoranti

Vediamo ora alcune domande frequenti che gli utenti si pongono spesso nel momento in cui cercano informazioni a riguardo della sanificazione obbligatoria di un ristorante.

 

Si può ricorrere a imprese esterne per la sanificazione obbligatoria?

La legge non richiede esplicitamente l’utilizzo di aziende esterne per la pulizia e la sanificazione, poiché è possibile che tale compito venga svolto anche da dipendenti interni all’azienda. 

 

La normativa non impone l’obbligo di affidare tali attività a terzi, ma prevede che gli ambienti siano sempre igienizzati e sanificati in modo adeguato, indipendentemente dal fatto che questa attività sia svolta internamente o esternamente all’azienda.

 

Quando è obbligatoria la sanificazione Covid in un ristorante?

La sanificazione Covid in un ristorante è obbligatoria ogni volta che si verifica un caso di positività al virus all’interno del locale o quando viene stabilito dalle autorità competenti. 

 

Inoltre, è importante effettuare una regolare sanificazione preventiva degli ambienti per prevenire la diffusione del virus e garantire la sicurezza dei clienti e del personale. La sanificazione deve essere effettuata utilizzando prodotti specifici approvati dal Ministero della Salute e seguendo le procedure indicate dalle normative igienico-sanitarie vigenti.

 

Quando si fa la sanificazione in un ristorante?

La sanificazione in un ristorante dovrebbe essere fatta regolarmente, almeno una volta al giorno, e più frequentemente nelle aree soggette a maggiori contaminazioni come la cucina, i bagni e le superfici di contatto. 

 

Inoltre, è necessario effettuare la sanificazione anche dopo ogni turno di lavoro o quando si verifica un caso di positività al virus all’interno del locale. 

 

È importante utilizzare prodotti specifici approvati dal Ministero della Salute e seguire le procedure indicate dalle normative igienico-sanitarie vigenti per garantire l’efficacia della sanificazione. La pulizia delle mani e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale sono altrettanto importanti per prevenire la diffusione del virus all’interno del ristorante.

 

Qual è la differenza tra igienizzazione e sanificazione?

La sanificazione è un processo che ha lo scopo di garantire la pulizia e la sicurezza degli ambienti attraverso una serie di azioni come la pulizia, l’igienizzazione e la disinfezione. In particolare, l’igienizzazione si concentra sulla rimozione dello sporco e degli accumuli presenti in sistemi come i climatizzatori per prevenire la diffusione di batteri e virus.

 

Che differenza c’è tra pulizia e sanificazione?

La pulizia e la sanificazione sono due concetti differenti. La pulizia ha lo scopo di rimuovere lo sporco visibile, le macchie e i residui di cibo dalle superfici, utilizzando detergenti e acqua. 

 

La sanificazione, invece, è un processo più completo che mira a eliminare batteri, virus e altri microrganismi patogeni presenti sulle superfici tramite l’utilizzo di prodotti specifici approvati dal Ministero della Salute. 

 

Mentre la pulizia si concentra sulla rimozione dello sporco visibile, la sanificazione agisce a livello microscopico per garantire l’eliminazione degli agenti patogeni che possono causare malattie. 

 

In sintesi, la pulizia è il primo passo per una buona igiene delle superfici mentre la sanitizzazione rappresenta un livello ulteriore di protezione contro i germi nocivi per la salute.

 

Quali sono le fasi di sanificazione?

Le fasi di sanificazione possono variare a seconda dell’ambiente e degli strumenti utilizzati, ma generalmente seguono i seguenti passaggi:

 
  1. Pulizia: rimozione dello sporco visibile dalle superfici con l’utilizzo di detergenti specifici.
  2. Igienizzazione: eliminazione dei microrganismi patogeni tramite l’utilizzo di prodotti disinfettanti approvati dal Ministero della Salute.
  3. Disinfezione: eliminazione completa dei microrganismi patogeni presenti nell’ambiente mediante l’utilizzo di prodotti chimici o tecnologie come la nebulizzazione o l’ozono.
  4. Verifica della sanificazione: controllo dell’efficacia del processo di sanificazione attraverso test microbiologici per verificare che il livello di contaminazione sia stato ridotto ai livelli desiderati.
 

È importante seguire tutte le fasi della sanificazione in modo accurato per garantire un ambiente sicuro e privo di batteri e virus dannosi per la salute delle persone.

 

Qual è la fase più importante della sanificazione?

La sanificazione è un processo che mira a ridurre il rischio di infezione o trasmissione di malattie attraverso la pulizia e la disinfezione di una determinata area. È composta da diverse fasi, tra cui la rimozione dello sporco dalle superfici e l’applicazione di disinfettanti per eliminare i microrganismi patogeni. 

 

Tuttavia, secondo gli esperti, la fase più importante della sanificazione è quella della disinfezione, in quanto permette di uccidere batteri, virus e altri microrganismi dannosi che possono essere presenti sulle superfici utilizzando sostanze chimiche o altri agenti appositi.


Quale Certificazione Stai Cercando?

SCARICA IL DOSSIER DI ALTEREDU
SULLA SICUREZZA ANTINCENDIO

Non perdere gli ultimi aggiornamenti alla normativa in materia di sicurezza antincendio. Scarica il dossier compilando il modulo qui in basso:

SCARICA IL PAPER DI ALTEREDU SULLE NOVITA’ IN MATERIA DI SICUREZZA!

Non perdere gli ultimi aggiornamenti in materia sicurezza nei luoghi di lavoro. Per farlo, ti basta compilare il modulo qui in basso