Come diventare un interior designer: formazione e consigli utili

Come diventare Interior Designer

Cosa trovi in questo articolo

Condividi questo post con i tuoi colleghi!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Al momento di scegliere il percorso lavorativo da seguire per svolgere una professione che possa dare soddisfazione bisogna dare ascolto alle proprie passioni ed alle proprie attitudini.

In questo approfondimento ci occuperemo di descrivere come diventare un interior designer, dando tutte le informazioni utili su questa professione, sui percorsi di formazione da seguire e sui possibili sbocchi professionali.

Facendo l’interior designer potrai raggiungere degli obiettivi professionali di grande valore, che sapranno darti soddisfazione personale ed anche un riscontro economico di tutto rispetto. L’aumentata richiesta di professionisti in questo ambito da parte del mercato ci ha portato a proporre dei corsi certificati spendibili in ambito lavorativo.

Con noi di Alteredu – attualmente una delle migliori piattaforme in Italia per la formazione a distanza – potrai seguire le tue passioni e raggiungere i tuoi ambiziosi obiettivi, proprio come ha fatto Federico, un nostro studente che oggi è un interior designer di successo e vanta nel suo portfolio la partecipazione a progetti di alto livello.

Il valore professionale dei corsi di Alteredu è elevato: siamo stati selezionati per entrare a far parte della digital skills and job coalition della Commissione Europea, un traguardo che ci ha resi molto fieri e che fa capire a tutti i nostri studenti la qualità dei nostri percorsi di formazione.

La prima volta che Federico ci ha contattati era preoccupato per il suo futuro. Non sapeva quale strada professionale intraprendere ed aveva paura di non riuscire a sentirsi soddisfatto dal punto di vista lavorativo. Era preoccupato per il suo futuro professionale, ma noi avevamo individuato la soluzione per lui. Ti interessa scoprire quale? Continua a leggere la nostra guida per saperne di più.
 

Chi è l’interior designer? Cosa vuol dire interior design?

La crescente popolarità di questa professione porta a chiedersi quale sia il significato di interior design. Questa espressione può essere tradotta in italiano con design di interni ed infatti l’interior designer è l’arredatore di interni.

Il design di interni consiste nella progettazione degli oggetti e degli spazi che si trovano all’interno di un luogo chiuso. I clienti privati credono che questa attività di progettazione sia utile solo nei contesti abitativi, in realtà l’arredatore di interni prende parte anche a dei progetti molto più vasti, occupandosi della progettazione degli spazi interni di edifici aziendali e di edifici pubblici.

Nel descrivere chi è l’interior designer non bisogna fare confusione tra questo professionista e lo stilista d’interni. Lo stilista di interni si occupa infatti solo dell’aspetto stilistico dell’arredamento e della disposizione degli arredi, mentre l’interior designer deve occuparsi sia dell’aspetto stilistico, sia dell’aspetto funzionale degli spazi interni e degli oggetti d’arredo.
 

Il design di interni consiste nella progettazione degli oggetti e degli spazi che si trovano all’interno di un luogo chiuso.
 

Cosa fa un arredatore di interni

Sono tanti i compiti che dobbiamo descrivere per spiegare cosa fa un arredatore di interni. A questo professionista viene affidato il compito di progettare gli spazi interni e di stabilire la disposizione degli arredi.

Lo scopo del lavoro di un interior designer è rendere gli ambienti interni piacevoli alla vista, ma al tempo stesso estremamente funzionali, per garantire un’elevata abitabilità degli stessi ambienti e per migliorare la qualità di vita delle famiglie e dei lavoratori.

L’arredatore di interni deve ascoltare le esigenze dei clienti e fare tutto il possibile per soddisfarle. Deve inoltre essere in grado di collaborare con altre figure professionali, al fine di giungere all’obiettivo finale desiderato. L’interior designer non potrà infatti occuparsi dell’intero progetto, ma dovrà lavorare in team con professionisti esperti in altri ambiti complementari.

All’interior designer spetta anche il compito di scrivere la documentazione relativa al lavoro svolto. L’arredatore di interni sarà dunque direttamente responsabile di quanto scelto e di quanto fatto: questo rende il ruolo dell’interior designer una professione di responsabilità.
 

Come diventare un interior designer

La prima domanda che ci ha posto Federico quando gli abbiamo parlato di questa professione è stata proprio come diventare un interior designer. Gli abbiamo spiegato che sono diversi i percorsi di formazione disponibili per coloro che vogliono seguire questa strada, ma Federico aveva un problema: non poteva iscriversi all’università perché aveva molti impegni quotidiani e non avrebbe potuto seguire le lezioni tenute in aula.

Se anche tu ti stai chiedendo come si diventa interior designer, continua a leggere i prossimi paragrafi per scoprire i percorsi di formazione disponibili per ricoprire questo ruolo professionale e per capire quali sono i nostri corsi che abbiamo proposto a Federico.

Puoi decidere di iscriverti ad un’università per conseguire una laurea, oppure di sfruttare i vantaggi della formazione a distanza e dello studio in autonomia con dei corsi professionali certificati per interior designer.

Federico ha preferito optare per i corsi certificati di Alteredu, in modo da poter seguire le sue aspirazioni ed ambizioni, senza dover rinunciare alle attività della vita quotidiana per doversi presentare fisicamente alle lezioni universitarie.
 

Percorsi di laurea consigliati per formare le basi

La crescente popolarità di questa professione ha portato alla nascita di veri e propri percorsi di laurea consigliati per formare le basi che saranno necessarie per ricoprire questo ruolo e per prendere parte a dei progetti di rilievo nazionale e/o internazionale.

Aver conseguito una laurea aiuterà a rendere il proprio curriculum personale più appetibile e ad ottenere più facilmente l’assegnazione a dei progetti lavorativi, sia per abitazioni private che per edifici pubblici ed edifici commerciali.

Sono numerose le università e le accademie specializzate che offrono la possibilità di ottenere una laurea in questo ambito. Una delle università più rinomate è il Politecnico di Torino, che dispone di un Dipartimento di Architettura e Design. La Libera Università di Bolzano ha la Facoltà di Design e Arti,  il Politecnico di Bari ha una facoltà di Design ed il Politecnico di Milano ha la sua Scuola di Design.

Tutte queste università offrono una didattica di alta qualità e consentono di ottenere un titolo di studio spendibile in ambito lavorativo. Poter vantare una laurea nel proprio curriculum rappresenta sicuramente un plus, motivo per cui tante persone che vogliono diventare interior designer decidono di intraprendere la carriera universitaria.

In alternativa ci si può iscrivere ai corsi proposti dagli istituti privati. In Italia sono numerosi gli istituti privati che si occupano di design ed alcuni di questi sono addirittura di fama internazionale. Non vanno sottovalutate nemmeno le accademie delle belle arti, anch’esse molto diffuse nel nostro paese e riconosciute a livello nazionale ed internazionale.
 

La crescente popolarità di questa professione ha portato alla nascita di veri e propri percorsi di laurea consigliati per formare le basi che saranno necessarie per ricoprire questo ruolo e per prendere parte a dei progetti di rilievo nazionale e/o internazionale.
 

Come diventare Interior Designer: corso di formazione di interior design

Il percorso di formazione tradizionale ha però anche degli svantaggi, in particolare il dover frequentare le lezioni ed i laboratori, dovendo così restare legati alla città in cui si trova l’università o l’accademia. Federico e tanti altri studenti hanno preferito sfruttare i vantaggi della formazione a distanza e studiare senza doversi iscrivere ad un’università.

Non per forza per diventare un interior designer è necessario conseguire una laurea. Il percorso formativo può prevedere anche la partecipazione ad un corso di formazione di interior design, al termine del quale verrà rilasciato l’attestato da inserire nel proprio curriculum.

I corsi di formazione sono un’ottima soluzione per coloro che vogliono diventare arredatori di interni senza conseguire una laurea presso un’università tradizionale o telematica. Questa è la strada che ha seguito Federico, che ha scelto di studiare con i nostri corsi certificati e di mettersi poi subito in gioco nel mondo professionale.

I corsi online garantiscono una valida preparazione, l’importante è che ci si iscriva a dei corsi con certificazione. Tutti i corsi di Alteredu sono certificati, proponiamo ai nostri studenti solo corsi di alta qualità e diamo loro la possibilità di ottenere un attestato finale, superando il test di verifica delle competenze acquisite, così da controllare che gli studenti abbiano davvero raggiunto le competenze previste dal corso ed abbiano acquisito tutte le nozioni.
 

Corso online Design e Interior Design

Su Alteredu proponiamo innanzitutto il corso online Design e Interior Design. Questo corso ha una durata di 15 ore ed è suddiviso in 18 moduli, attraverso i quali verranno trattati i principali argomenti propri di questa professione. Gli studenti potranno apprendere un valido metodo di approccio alla luce, alla materia, allo spazio, alla misura ed al colore e potranno apprendere le nozioni fondamentali di questi temi.

Il corso è rivolto a tutti coloro che intendono intraprendere la carriera di arredatore di interni, ma anche a professionisti di altri settori che sono comunque interessati all’interior design. Architetti, geometri e periti industriali potranno seguire il corso ed ottenere rispettivamente 15 CFP, 32 CFP e 18 CFP.

Grazie a questo corso di Alteredu i professionisti potranno avere una visione più ampia dei linguaggi contemporanei del design e potranno restare al passo con i tempi, aggiornandosi sulle esigenze del mercato e sulle preferenze dei clienti moderni.
   

SCOPRI SUBITO IL CORSO DESIGN E INTERIOR DESIGN

 

Corso online Product Design

Un altro corso che proponiamo ai nostri studenti è il corso online Product Design, che è rivolto a tutti coloro che sono interessati all’universo del design e che intendono approfondire le loro conoscenze con un corso certificato.

Il corso è diviso in 8 moduli ed ha una durata di 11 ore. Gli architetti ed i periti industriali che termineranno questo percorso di formazione potranno chiedere il rilascio rispettivamente di 11 CFP e di 14 CFP. Durante il corso verranno spiegate tutte le fasi che si susseguono nel processo di design dei prodotti, partendo dalla fase di pura progettazione fino ad arrivare alla fase in cui si verifica la fattibilità di quanto è stato progettato e del prodotto finito.

Durante il corso verranno forniti agli studenti anche gli strumenti per analizzare il mercato, analizzare le esigenze dei clienti ed analizzare i competitori. Un attento studio del mercato e delle esigenze dei clienti consente di capire quale strada percorrere per arrivare al successo professionale e quali prodotti e/o servizi offrire. Studiando i competitori sarà invece possibile mettere in luce le proprie lacune e lavorare per eguagliare i punti di forza dei competitori.
 

SCOPRI SUBITO IL CORSO PRODUCT DESIGN

 

Corso online realtà aumentata

Un corso innovativo ed interessante, utile per i professionisti in diversi ambiti, è il corso online realtà aumentata. Questo percorso di formazione ha una durata di 6 ore, è suddiviso in 10 moduli ed offre gli strumenti per gestire al meglio i software che operano con la tecnologia della realtà aumentata, tecnologia che sta trovando un sempre maggior impiego nel mondo della progettazione.

Agli architetti ed ai periti industriali sono garantiti anche dei CFP al termine del corso, rispettivamente 6 CFP e 9 CFP. Il corso online di realtà aumentata diventa dunque un’ottima scelta per l’aggiornamento professionale e non solo un corso adatto a chi sta cercando impiego.
 

SCOPRI SUBITO IL CORSO REALTA’ AUMENTATA

 

Sbocchi lavorativi per interior designer

Prima di iscriversi ai nostri corsi professionali certificati, Federico ci ha chiesto quali sbocchi lavorativi avrebbe avuto una volta terminato il percorso di formazione. Proprio come Federico, anche tu potresti essere interessato ad avere queste informazioni, continua a leggere per scoprire di più e per capire come mai la professione dell’interior designer è sempre più gettonata.

Sono numerosi gli sbocchi lavorativi per un interior designer. Acquisire delle competenze professionali in questo ambito offre l’opportunità di ricoprire diverse posizioni, in un mercato che inoltre è alla ricerca di professionisti specializzati.

Federico e gli altri studenti che hanno deciso di formarsi con i nostri corsi professionali non hanno avuto difficoltà a prender parte a dei cantieri prestigiosi e ad occuparsi di progetti di alto livello. Puoi decidere di seguire la loro stessa strada, di formarti con noi e poi di presentarti nel mondo lavorativo per sfruttare uno dei tanti sbocchi professionali.

I lavori tradizionali che vengono generalmente assegnati agli arredatori di interni consistono nella progettazione degli spazi e nella disposizione degli arredi per migliorare l’abitabilità degli ambienti, tenendo conto sia dell’aspetto estetico che di quello funzionale.

Non per forza un interior designer deve però svolgere questo ruolo. Questo professionista può infatti essere assunto anche per prendere delle scelte stilistiche e funzionali sul design degli oggetti della vita quotidiana e sul design degli arredi.

L’interior designer può occuparsi poi dello stile delle superfici, scegliendo sia la loro decorazione, sia i trattamenti a cui devono essere sottoposte. Non mancano infine gli arredatori di interni che si occupano in maniera specifica della progettazione fieristica, entrando nel campo professionale dell’organizzazione di eventi di grandi dimensioni.

Alcuni professionisti decidono di specializzarsi in particolari ambiti, puntando a diventare degli esperti conosciuti e stimati per specifiche tipologie di lavori. E’ il caso degli arredatori di interni che scelgono di specializzarsi in edifici commerciali, di diventare degli esperti di comunità e così via. La specializzazione dà la possibilità di concentrarsi su poche tipologie di lavoro e di approfondirle al massimo, per avere una marcia in più rispetto agli altri interior designer che competeranno per l’assegnazione degli stessi progetti.
 

Quanto guadagna un interior designer

Per capire quanto guadagna un interior designer possiamo fare un’analisi dello stipendio medio di un arredatore d’interni. Secondo i più recenti dati italiani, lo stipendio medio di questo professionista ammonterebbe a € 46.800 l’anno, per una retribuzione media di € 24 l’ora.

Lo stipendio varia a seconda dell’esperienza del professionista, della zona in cui lavora e dei progetti di cui si occupa. La retribuzione annuale può andare da un minimo di € 33.000 per gli arredatori di interni alle prime esperienze, ad un massimo di € 66.000 per gli interior designers più conosciuti a livello nazionale.

La zona di lavoro influisce sullo stipendio: generalmente nelle grandi città i progetti disponibili sono più numerosi ed hanno sede gli studi di progettazione più rinomati. Analizzando le retribuzioni medie si riscontra uno stipendio più alto nelle grandi città rispetto alle zone periferiche. Federico ha deciso di trasferirsi a Milano per avere maggiori opportunità lavorative ed è subito riuscito ad inserirsi nel settore, senza particolari difficoltà.

Facendo esperienza ed aggiungendo progetti al proprio portfolio sarà più semplice trovare nuovi progetti a cui lavorare e far crescere lo stipendio annuo. La carriera dell’arredatore di interni offre delle ottime opportunità di crescita professionale ed economica.

Potrebbe interessarti anche...

Quale Certificazione Stai Cercando?